AZZURRA

Italia-Turchia, 11 giugno 2000

19 agosto 2020

Agli Europei del 2000, l'Italia è una delle squadre più attese: la difesa, fondata su Cannavaro, Nesta e Maldini, è tra le migliori del Continente; in avanti il ct Zoff può contare sul talento di Fiore, Del Piero e Totti, e sul senso del gol di Inzaghi.

Gli Azzurri di Zoff

L'esordio contro la Turchia si preannuncia complicato: la squadra di Denizli è formata da giocatori di buona qualità, tra cui spiccano il portiere Rustu, il centrocampista Okan e soprattutto l'attaccante Hakan Sukur, in procinto di trasferirsi all'Inter.

Un avversario scomodo

L'Italia fa fatica a sbloccare il risultato, e infatti solo una grande giocata di Antonio Conte, nella ripresa, porta gli azzurri in vantaggio: il centrocampista azzurro segna con una splendida rovesciata dall'interno dell'area di rigore.

Il gol di Conte

La Turchia conferma di essere una squadra di buon livello, e dopo dieci minuti Okan firma il pareggio. Gli Azzurri, però, trovano la forza per reagire: Inzaghi si procura un rigore e poi batte dal dischetto.

Non è finita

Minuto 70:
il rigore decisivo di Superpippo

Il 2-1 alla Turchia è il prologo di un grande Europeo: l'Italia batterà pure Belgio, Svezia e Romania, prima della storica semifinale vinta ai rigori con l'Olanda. Solo la Francia, in una finale crudele e indimenticabile, fermerà il sogno degli Azzurri.

Un Europeo bellissimo